Toscana - Siena - Montepulciano

Natale, Capodanno ed Epifania in un Incantevole Resort di Campagna nelle splendide Colline Toscane

  • Country Resort
  • 4 giorni / 3 notti
  • Resort
  • Solo Pernottamento

Le tue Feste Natalizie con Noi! Natale, Cappodanno o Epifania?

E tu hai già deciso dove trascorrerai le tue Vacanze Italiane?
A soli 5 km dal centro di 
Montepulciano, circondato da prestigiosi vigneti, si trova questo tipico podere senese. Convertito in centro vacanze in contesto agricolo, è composto da appartamenti di diversa tipologia, che mantengono il giusto rapporto uomo-spazio, il rispetto dell'ambiente circostante, il rigoroso mantenimento dei caratteri principali della struttura originaria. 


A disposizione degli ospiti un comodo parcheggio comune, un'ampia piscina attrezzata, parco e barbecue, un internet point. Vino, olio d'oliva e altri prodotti tipici possono essere acquistati in loco. Le uve del "Vino Nobile" di Montepulciano, uno dei cinque vini rossi DOCG, provengono dalle dolci colline che circondano il paese e scendono in Valdichiana. Italia. A guardia di tale tesoro, la città di Montepulciano, opportunamente denominata la "Perla del '500",

Vuoi parlare subito con me? Scegli come!
Dettagli

Casa Vacanze tra la Valdichiana e la Val D'Orcia - Siena
mezzo a pregiati vigneti, a soli 5 chilometri dal centro di Montepulciano, si trova questa incantevole azienda agricola senese. Luogo incantevole per una rilassante vacanza in campagna, offre appartamenti di diverse metrature che hanno conservato le caratteristiche principali della struttura originaria e un giusto equilibrio tra uomo e spazio, nel rispetto dell'ambiente circostante.Dalle dolci colline che circondano il paese e scendendo in Valdichiana, nascono le uve del "Vino Nobile" di Monteulciano, uno dei cinque vini rossi DOCG d'Italia. A vegliare su questo tesoro è la vicina città di Montepulciano, giustamente definita "Perla del Cinquecento" con i suoi palazzi nobiliari, la fortezza medicea e importanti siti religiosi. 

Appartamenti Montepucliano, 
Il complesso offre tre tipologie di appartamenti: monolocale, bilocale, trilocale. 
Le camere sono ben arredate con comode poltrone e divani letto in ogni appartamento. La zona cucina ha un piano cottura con quattro fuochi a gas, uno elettrico e un frigorifero. La cucina è di altissima qualità, completamente attrezzata con le migliori attrezzature. 
Tutti gli appartamenti sono arredati per un soggiorno confortevole. 

Dintorni 

Acquaviva è un piccolo borgo del comune di Montepulciano (SI) situato a circa 8 km dal capoluogo, situato a 300 m slm. Ci sono circa 2.000 abitanti. La via principale del paese è Via Fratelli Claudio Celso e Braschi: comprende quindi un abitato in lenta ma costante espansione. Il santo patrono è San Vittorino a cui è dedicata la chiesa ottocentesca con pianta a croce greca. Le prime tracce di Acquaviva si trovano su un documento dell'803, firmato a San Vittorino de Acquaviva. C'è un teatro, il Teatro dei Concordi, rimodellato negli anni '90, è un gioiello bèlle époque, che attualmente ospita il festival del teatro amatoriale, oltre alle rappresentazioni del Cantiere Internazionale d'Arte di Montepulciano. Gli eventi più suggestivi, da sempre si svolgono nel parco principale dei Giardini ex Fierali che ancora oggi costituiscono il core business del Paese. Ultimo ma non meno importante è l'evento LIVE ROCK FESTIVAL OF BEER (www.liverockfestivalofbeer.it), eventi di successo dal '96 che mira a promuovere e diffondere le forme più innovative di espressione artistica, musicale e con buoni risultati.

Montepulciano: Questo è il comune più grande della Valdichiana senese e contiene altri sei paesi: Abbadia di Montepulciano, Acquaviva, Gracciano, Montepulciano Stazione, S.Albino e Valiano. Qui nacque il poeta Agnolo Ambrogini (detto "il Poliziano" dal latino "mons Politianus"). Si dice che la città sia stata fondata dal re etrusco Porsenna e che esibisca un'architettura impressionante, principalmente ma non solo rinascimentale, dove lavorarono Michele, Baldassarre Peruzzi e Vignola, così come Antonio da Sangallo il Vecchio che progettò il tempio di San Biagio. Oltre alle meraviglie del centro storico di Montepulciano il turista farebbe bene a visitare il centro termale di S.Albino. L'economia locale è basata sull'agricoltura e la città è famosa per il suo Vino Nobile. In estate il paese ospita il "Cantiere Internazionale d '

Cetona: Sulle pendici orientali del monte omonimo, Cetona ha mantenuto la sua struttura medievale, con strade, vicoli e scalinate che conducono alla rocca che la domina. L'economia locale è principalmente agricola, ma anche il turismo è stato attivamente sviluppato. Molti personaggi famosi di parole di economia, teatro, moda e cultura vivono qui nelle loro case di campagna e ville ristrutturate. A soli 5 km dal paese si trova uno degli insediamenti più antichi dell'Italia centrale, risalente a 40.000 anni fa, oggi noto come Parco archeologico naturalistico di Belverde. Ci sono 25 grotte preistoriche e la più grande di queste pregava San Francesco. Il Museo Civico raccoglie resti dell'età del bronzo raccolti nell'area intorno alle grotte. Nella frazione successiva, piazze, la romanica chiesa Collegiata conserva affreschi del Pinturicchio.

Chiusi: In epoca etrusca, al margine meridionale della Valdichiana, sorgeva la città di Chamars, abbastanza potente, in quel periodo, da sconfiggere Roma. Nel centro storico, con la sua architettura medievale e gli stili del granducato, si possono ancora vedere i resti della struttura romana che furono costruiti sopra la città etrusca preesistente.Il Museo archeologico nazionale contiene eccellenti reperti etruschi e ceramiche greche dalla campagna intorno a Chiusi; di particolare interesse sono le urne funerarie e i sarcofagi. È possibile visitare le catacombe e le necropoli etrusche; sono aperte la tomba del Leone (VI secolo aC) e la tomba della Pellegrina (V secolo aC). Sicuramente da visitare il Museo della Cattedrale e il "labirinto di Porsenna", passaggi d'acqua sotterranei costruiti dagli Etruschi e comprendenti una grande cisterna che conduce al campanile romanico della cattedrale. Ci sono quattro località limitrofe: Macciano, Montallese, Montevenere e Querce al Pino. Feste: La festa di Santa Mustiola con il suo palio delle Torri e la festa del vino di settembre. 

Chianciano Terme: Questa città termale, specializzata nella cura dei disturbi del fegato, è tra le più famose d'Italia. La particolarità delle acque di Chianciano è poco distante dal centro termale con i suoi alberghi, negozi, centri di cura ed eleganti parchi dove sgorgano le acque terapeutiche: "acqua Sillene" viene utilizzata per la balnoterapia e la fangoterapia; acqua Sant'Elena "utilizzata per la cura dei reni e delle vie urinarie. Ottimo sia il clima che le aree verdi incontaminate, qui le vacanze sono appaganti e piacevoli e dedicate alla salute e al fitness. Più di 2 milioni di persone visitano Chianciano ogni anno. Le attrazioni culturali includono il Museo Etrusco, di prossima apertura, e il Museo della Collegiata. Da vedere anche la Collegiata di S.Giovanni Battista, costruita nel 1229 e restaurata nel 1809, 

Pienza: La storia di Pienza coincide con quella del suo fondatore, Enea Silvio Piccolomini, divenuto poi Papa Pio II. Quando la sua famiglia, costretta a lasciare Siena, si rifugiò a Corsignano, in Val d'Orcia, possedevano una casa e dei terreni. Enea Silvio nacque qui nel 1450 in un piccolo borgo fortificato sorto intorno ad una pieve romanica. Sono state trovate tracce che questa zona fu abitata dal Neolitico all'età del Bronzo e questo borgo era conosciuto anche in epoca romana. Quando divenne Papa decise di trasformare la sua casa natale da borgo in città. Volle in questo luogo famosi architetti e artisti per creare un grande progetto che fosse una città, che ribattezzò Pienza, e allo stesso tempo un monumento al Rinascimento. Era ispirato non tanto dalla devozione religiosa, ma da un sogno trasformare il mondo attraverso un modo di pensare moderno, tollerante e cosmopolita. È difficile sapere cosa sarebbe diventata Pienza se Pio II non fosse morto improvvisamente alla vigilia della sua crociata per combattere il Muslismo, il 14 agosto 1464. Tuttavia, dopo la sua morte Pienza rimase immutata, perfettamente equilibrata nella sua geometria moderna. La piazza Pio II, disegnata da Bernardo Rossellino, mostra un concetto architettonico e filosofico che rappresenta il movimento umanista. Nella piazza, la celebre cattedrale "domus vitrea", con facciata rinascimentale e interno gotico, contiene opere di alcuni dei migliori artisti di quel periodo: Giovanni di Paolo, Matteo di Giovanni, il Vecchietta, Sano di Pietro; qui si possono ammirare pregevoli stalli del coro ligneo in stile gotico e altre opere sacre di grande pregio. Nella maestosa residenza papale Palazzo Piccolomini, c'è un museo, nella "sala d'armi" c'è una mostra di armi, si può visitare la Camera del Papa, la Biblioteca e la collezione di medaglie di Pio II e Pio III. La Musa Diocesano (a Palazzo Vescovile) custodisce splendidi arazzi fiamminghi del XV-XVI secolo e opere di Bartolo di Fredi, Vecchietta, Maestro dell'Osservanza, Sano di Pietro e Pellegrino di Marino. Nel 1996 Pienza è stata riconosciuta dall'UNESCO per il suo valore culturale e iscritta nella Lista del Patrimonio Mondiale. La Musa Diocesano (a Palazzo Vescovile) custodisce splendidi arazzi fiamminghi del XV-XVI secolo e opere di Bartolo di Fredi, Vecchietta, Maestro dell'Osservanza, Sano di Pietro e Pellegrino di Marino. Nel 1996 Pienza è stata riconosciuta dall'UNESCO per il suo valore culturale e iscritta nella Lista del Patrimonio Mondiale. La Musa Diocesano (a Palazzo Vescovile) custodisce splendidi arazzi fiamminghi del XV-XVI secolo e opere di Bartolo di Fredi, Vecchietta, Maestro dell'Osservanza, Sano di Pietro e Pellegrino di Marino. Nel 1996 Pienza è stata riconosciuta dall'UNESCO per il suo valore culturale e iscritta nella Lista del Patrimonio Mondiale.

San Casciano dei Bagni: La caratteristica principale di questo borgo medievale, che sorge al confine senese tra le regioni Umbria e Lazio, è la sua ricchezza di acque termali, che conta ben 42 sorgenti. Le acque qui erano già conosciute in epoca romana (Orazio allude alle loro qualità terapeutiche). La principale attività economica è legata al turismo delle acque termali e all'agriturismo che prospera grazie ai boschi e alle campagne incontaminate. Oggi, un nuovo edificio sorge accanto all'ex centro termale dove è possibile avere una varietà di trattamenti con fanghi e acqua. Nelle immediate vicinanze la piscina è riempita con acqua termale a 40 ° C. Vale la pena visitare il fiabesco castello di Fighine. Le feste tradizionali includono: la "Sagra dei Pici" - una specialità di pasta fatta in casa - a Celle sul Rigo, un villaggio costruito sul sito di un'ex fortezza. La festa si tiene l'ultima domenica di maggio. A San Casciano la prima domenica di giugno si svolge la "Sagra del Ciaffagnone". L'altra frazione di Palazzone è ben nota per la sua festa del vino e il suo forte vino Chianti Colli Senesi.

Sarteano: Un centro di origini antichissime con una ricca varietà di attrattive turistiche e un clima particolarmente mite e gradevole che esalta la varietà delle attività legate all'acqua sorgiva. il centro storico, che risale all'età neolitica, è dominato dal Castello. Ogni anno il 15 agosto si disputa la "Giostra del Saracino", una sfida a cavallo tra le cinque contrade o contrade del paese e in cui i partecipanti, utilizzando una lancia, devono prendere un anello indossato da un saraceno, l'eterno nemico. Il concorso è preceduto dall'estrazione a sorte. L'abito tradizionale è una caratteristica dell'evento. Merita una visita anche Castiglioncello del Trinoro, tipico borgo medievale con una meravigliosa vista sulla vallata sottostante. Vicino a Sarteano, sulla collina di Pietraporciana, una faggeta protetta si è rivelata di particolare interesse per la società botanica italiana. È piacevole mangiare qui nell'area picnic fornita. 

Sinalunga: Fino al 1864 il paese era conosciuto come Asinalunga (asino lungo) in quanto quasi certamente di origine etrusca. Centro tradizionalmente agricolo, il paese oggi possiede anche alcune industrie: laterizi, vasellame, manifattura di mobili, illuminotecnica e vetro. Il comune comprende le frazioni di Rigaiolo, Scrofiano, Bettolle, Farnetella, Guazzino e Rigomagno, i suoi numerosi resti e reperti lo rendono anche attrattivo per i turisti. Nella parte più antica del paese è ancora visibile la linea delle mura medievali, di cui rimangono ancora alcune torri. Nella collegiata si trovano una "deposizione" di Girolamo del Pacchia e dipinti di Benvenuto di Giovanni e Sodoma. Personaggi illustri nati qui sono Giuseppe Stocchi, grande scrittore, storico e letterato, lo zoologo Ezio Marchi (1869-1908), il musicista Ciro Pinsuti (1828-1888), allievo di Rossini, autore del romanzo "Il mercante di Venezia". Nel 1867, a palazzo Agnolucci, Giuseppe Garibaldi fu arrestato dall'esercito per impedirgli di marciare su Roma. 

Torrita di Siena: Situata al centro della Valdichiana, Torrita ha trasformato la sua tradizionale economia agricola in una industria leggera e artigianale. Le prime notizie storiche risalgono al 1037. La città divenne successivamente una fortezza a difesa della Repubblica di Siena lungo i suoi confini meridionali. I resti delle mura originali includono nove fondamenta e tre porte. Le chiese di S.Flora e S.Lucilla contengono affreschi e altre pregevoli opere artistiche di scuola senese. Qui nacquero il famoso bandito Ghino di Tacco dei Monaceschi Pecorai e il monaco francescano Iacopo da Torrita restauratore di mosaici. La corsa degli asini "Palio dei Somari", si svolge a marzo. A parte la città stessa, composta dal centro storico e da un più recente sviluppo, da non perdere la visita a Montefollonico, un borgo sorto intorno ad un ex castello medievale e rimasto in gran parte intatto. Le passeggiate qui sono particolarmente piacevoli.  

Trequanda: Questo antico borgo medievale, residenza della famiglia Cacciaconti fino al 1500, sorge sulla sommità di una collina, immerso in una campagna incontaminata di boschi, vigneti e uliveti. Un terzo del borgo è occupato dal castello Cacciaconti e dai suoi annessi tra cui un suggestivo giardino ornamentale. Qui si può visitare la chiesa dei SS. Pietro e Andrea che custodisce un affresco del Sodoma. Il clima mite, il paesaggio rilassante e le attrattive gastronomiche (vino, olio, formaggi, salumi, miele e carne chianina locale) rendono la zona una meta ambita per l'agriturismo. I palazzi comunali di Petroio ospitano il "Consorzio delle terrecotte" ed è in fase di allestimento il Museo della terracotta. Famosa in tutta Italia è la ceramica o "coccio", prodotta dalle manifatture locali. Castelmuzio sorge su uno sperone di tufo nei pressi del monastero di S. Anna in Camprena che conserva notevoli affreschi del Sodoma; nelle vicinanze si trova anche la chiesa parrocchiale di S.Stefano. 

Cortona:
 Si possono ancora vedere una delle dodici città della Lega Etrusca, inglobati nelle mura medievali, frammenti consistenti delle sue primitive difese ciclopiche. A parte alcuni bei palazzi rinascimentali, il carattere prevalente dell'architettura di Cortona è medievale, conferendo alle strade strette e ripide un forte senso di atmosfera. La città è situata in posizione dominante (altitudine 600 metri) e offre magnifici panorami in ogni punto cardinale, abbracciando l'intera Val di Chiana. Tra le numerose opere d'arte di varie epoche del Museo dell'Accademia Etrusca spiccano il Lampadario Etrusco noto come la "lampada di Cortona", uno dei bronzi più celebri dell'antichità, e la "Musa Polyhymnia", un epoca, di notevole bellezza. Il Museo Diocesano espone opere di Luca Signorelli, illustre pittore rinascimentale e nativo di Cortona, e un'ammiratissima "Annunciazione" del Beato Angelico. Gli edifici medievali più importanti sono le chiese di San Francesco e San Domenico e il Palazzo Casali, che ha una facciata rinascimentale. In queste, e nelle chiese rinascimentali di Santa Maria Nuova e San Niccolò, sono conservate pregevoli opere d'arte. Il quartiere di Cortona è costellato di monumenti etruschi: la tomba detta "Tanella di Pitagora" (II secolo aC) in contrada Cannaia; Tombe etrusche e un ipogeo (VI e VII secolo a.C.) in contrada Sodo. Tra i suggestivi luoghi sacri la chiesa romanica di Sant'Angelo in contrada Metelliano, la bella chiesa di Santa Maria delle Grazie (XVI secolo) al Calcinaio e il Convento delle Celle, fondato da San Francesco d'Assisi. La "Via Crucis" di Severini (XX secolo) accompagna la mistica ascesa che collega il centro abitato con il santuario di Santa Margherita che sovrasta il paese e che, a sua volta, è oscurato dalle poderose difese della fortezza del Girifalco. 

San Quirico d'Orcia (Bagno Vignoni): Originariamente città etrusca, acquisì importanza grazie alla vicina Via Franchigena. Federico Barbarossa, nel 1154, ricevette qui l'ambasciatore di papa Adriano IV e questo evento viene rievocato nella "Festa del Barbarossa", 3 ° domenica di giugno. Nel 1167 fu sede del Vicario Imperiale. La Firenze di Cosimo I de 'Medici lo acquistò nel 1559. La Collegiata dei SS. Quirico e Giuditta è in stile romanico: presenta tre portali di cui uno rivolto a sud è attribuito a Giovanni Pisano. All'interno si trova il polittico di Sano di Pietro e un Coro del 1432-1502. Palazzo Chigi è del XVII secolo. Gli "Horti Leonini" (XVI secolo) sono uno dei primi esempi di stile Italia Garden: da agosto a ottobre si svolge la mostra di scultura "Forme in verde". La pieve romanica di S. Maria Assunta fu, forse, costruita sui resti di un tempio precristiano. L'interno della chiesa di S. Francesco custodisce due statue lignee policrome e una Madonna robbiana. La zona di Bagno Vignoni era conosciuta fin dall'epoca romana per i benefici delle acque della sua sorgente che sgorgano a temperature di oltre 50 ° C. e sono raccolti nella grande conca che si trova al centro del paese e gli conferisce il suo aspetto suggestivo. A lato della conca è presente un piccolo santuario dedicato a S. Caterina da Siena. Il castello di Vignoni domina il paese e può essere scavato sia da S. Quirico che da Bagno Vignoni: una passeggiata naturale che si può fare a piedi. Francesco custodisce due statue lignee policrome e una Madonna robbiana. La zona di Bagno Vignoni era conosciuta fin dall'epoca romana per i benefici delle acque della sua sorgente che sgorgano a temperature di oltre 50 ° C. e sono raccolti nella grande conca che si trova al centro del paese e gli conferisce il suo aspetto suggestivo. A lato della conca è presente un piccolo santuario dedicato a S. Caterina da Siena. Il castello di Vignoni domina il paese e può essere scavato sia da S. Quirico che da Bagno Vignoni: una passeggiata naturale che si può fare a piedi. Francesco detiene due statue lignee policrome e una Madonna robbiana. La zona di Bagno Vignoni era conosciuta fin dall'epoca romana per i benefici delle acque della sua sorgente che sgorgano a temperature di oltre 50 ° C. e sono raccolte nella grande conca che si trova al centro del paese e gli conferisce il suo aspetto suggestivo. A lato della conca si trova un piccolo santuario dedicato a S. Caterina da Siena. Il castello di Vignoni domina il paese e può essere scavato sia da S. Quirico che da Bagno Vignoni: una passeggiata naturalistica che si può fare a piedi. e sono raccolti nella grande conca che si trova al centro del paese e gli conferisce il suo aspetto suggestivo. A lato della conca è presente un piccolo santuario dedicato a S. Caterina da Siena. Il castello di Vignoni domina il paese e può essere scavato sia da S. Quirico che da Bagno Vignoni: una passeggiata naturale che si può fare a piedi. e sono raccolte nella grande conca che si trova al centro del paese e gli conferisce il suo aspetto suggestivo. A lato della conca si trova un piccolo santuario dedicato a S. Caterina da Siena. Il castello di Vignoni domina il paese e può essere scavato sia da S. Quirico che da Bagno Vignoni: una passeggiata naturale che si può fare a piedi. 

Vuoi parlare subito con me? Scegli come!
Date e prezzi
Prezzo
dal 29/12/21 al 09/01/22
Prezzo per per Appartamento, 4 giorni / 3 notti
€ 290
Vuoi parlare subito con me? Scegli come!
Incluso/Escluso

La Quota Comprende:
- 3 Notti in Bilocale (1 camera matrimoniale, 1 bagno, soggiorno con angolo cottura e 2 divani letto singoli) 
- cucina e bagno (acqua, zucchero, caffè solubile, the, sapone , shampoo, cuffia, carta igienica); Biancheria da letto, bagno e cucina all'arrivo; Uso di: acqua calda, gas, elettricità, TV; Riscaldamento; Utilizzo wi.fi, biciclette, piscina dal 15.04 al 15.10 tempo permettendo, parco e attrezzature, barbecue, parco giochi per bambini (questo a Borgo delle More); Pulizie finali, lasciando l'angolo cottura e l'appartamento liberi da immondizia in ordine. 
- Prenotazione Cenone di Vigilia, Pranzo e Cena di Natale, Cenone di Capodanno, (il costo del pranzo o cena non è incluso, da regolare in loco direttamente)
- Prenotazioni Tour guidati con degustazione di vini e formaggi, (il costo della visita guidata facoltativa non è incluso, da regolare in loco direttamente)


Non include:
- Voli da / per Firenze, Pisa (Disponibile su richiesta) 
- Trasferimenti in / out (Disponibile su richiesta) 
- Noleggio auto (Disponibile su richiesta) 
- Assicurazione di viaggio (Assicurazione annullamento bagaglio sanitario disponibile su richiesta) 
- Visto , se applicabile 
- Tassa di soggiorno 
- Escursioni / tour facoltativi 
- Tutto quanto non indicato in "La quota comprende" 

Extra: aria condizionata euro 9 a notte, culla euro 5 a notte, animali di piccola taglia soggiorno euro 60 a soggiorno 
CAFFE 'del Borgo al Caffè del Borgo, è possibile richiedere cestini colazione e degustazione di prodotti tipici da gustare in appartamento. 
La conferma è richiesta al momento della prenotazione.
Check-in: 15-18, per eventuali arrivi in mattinata non ci assicuriamo che gli appartamenti siano pronti. ma puoi comunque usare il parco e l'attrezzatura. In questo caso gli orari di apertura sono dalle ore 09.00 alle ore 13.00 
Check-out: ore 10.00

Vuoi parlare subito con me? Scegli come!

Mappa

Vuoi maggiori informazioni su questa offerta?

Compila il modulo qui sotto e ti contatteremo per creare insieme il tuo viaggio


Riferimenti contatto


Tutto quello che vuoi raccontarci (domande, richieste particolari, altro...)


Newsletter X

Non perderti le migliori offerte della settimana!
Lascia qui la tua email per ricevere ogni settimana le offerte più interessanti e uniche!